Gli Arcani Maggiori - Lezione 2

Un mazzo regolare di Tarocchi ha 22 Arcani Maggiori e 56 Arcani Minori.

Gli Arcani Maggiori sono un sistema ermetico, mentre quelli Minori rappresentano una ludus pitagorico.

Gli Arcani Maggiori sono una sorta di “carte speciali” che rappresentano le tappe della nostra esistenza. Queste devono essere comprese sia con la parte razionale, ma anche con la mente inconscia. Gli Arcani Maggiori parlano di un vero e proprio ciclo che può essere analizzato e spiegato carta per carta.

Creare una storia

Come ti ho spiegato nella lezione precedente, per comprendere pienamente i Tarocchi è possibile creare una storia che andrà a legare le carte tra di loro.

Se hai un mazzo accanto a te, è un buon momento per tirarlo fuori. Certo, nessun problema qualora non lo facessi, ma guardare le carte accelera il tuo apprendimento. Inoltre è divertente!

Un viaggio…

La storia più immediata che può essere estrapolata contemplando gli Arcani Maggiori è quella del viaggio del Matto. Infatti, questo pellegrino, si dirige alla ricerca di nuove esperienze. Quando incontra il Bagatto, tira fuori i suoi strumenti per capire di cosa ha realmente bisogno.

Presto si renderà conto che, per mezzo della Papessa, dovrà iniziare a studiare gli strumenti a sua disposizione, altrimenti rischia di vanificare la loro efficacia.

Dopo questo attento studio, è importante far esplodere la conoscenza per mezzo di inizi concreti. Questi sono rappresentati dall'Imperatrice che, trovando subito dopo l'Imperatore, vuole stabilizzare ciò che ha iniziato.

Tuttavia, una volta trovata la prima stabilità, bisogna apportare delle innovazioni, altrimenti il progetto rischia di stancare o, addirittura, annoiare. Ed è proprio questo il compito del Papa: creare un ponte che innovi l'assetto proposto dall'Imperatore.

Quando il nostro pellegrino (che poi siamo sempre noi!) si trova a fare qualcosa di nuovo, ecco che spuntano fuori nuovi input e nuove persone in grado di dargli la giusta armonia. Non è un caso che l'armonia è un concetto espresso dall’Innamorato. Da questo momento in poi, quello che era un ragazzo, diviene un uomo di valore che avanza nel mondo, proprio come fa il Carro. Ed ecco che, conseguenzialmente, ottengono nuovi assetti e nuovi equilibri, che poi sono la tappa della Giustizia.

Il viaggio potrebbe sembrare concluso, ma c'è ancora qualcosa da valutare: la propria verità interiore. Questa si cerca in solitudine, proprio come fa l'Eremita. Fare luce sugli aspetti bui della propria essenza porterà inevitabilmente a chiudere dei cicli per aprirne dei nuovi. Ecco perché bisogna passare dalla Ruota di Fortuna per approdare alla Forza.

Questa tappa metterà il pellegrino davanti a nuovi inizi più in linea con la sua essenza. Qui capisce che ha solo scalfito la superficie e, nei panni dell'Appeso, potrà guardare il mondo da una nuova prospettiva, iniziando quella trasformazione paurosa, ma necessaria, rappresentata dall'Innominato.

Per smorzare queste forze così burrascose ed esplosive, c’è bisogno di una forza angelica: Temperanza. Forse non è un caso che quando comparivano gli angeli, la prima cosa che dicevano era: “Non temere!”. L'incontro con l'angelo rappresenta anche l'incontro con Dio, ma non possiamo conoscere Dio se non balliamo prima con i nostri demoni interiori. Ed ecco che subentra il Diavolo che, come un guardiano della soglia, prova a bloccare l'accesso alla soglia di Dio, cioè la Casa Dio.

Continuando a perseguire con incrollabile fede e tenace valore il nostro cammino, la personalità si destruttura e troviamo finalmente, nella Stella, il nostro posto nel mondo. Non è ancora finita! Nuove ansie e nostalgie rappresentate dalla Luna sono in agguato, ma lei, illuminata dal Sole, si scioglie nella danza degli opposti.

I contrari sono ora complementarietà ed è qui che arriva il Giudizio: la grande opera, l'incontro di due principi opposti che genera un terzo elemento. Questo ci permette di elevarci al di sopra dell'ego e dei limiti, per abbracciare la nostra vocazione. Quel nuovo livello di armonia, appagamento e felicità è il Mondo. Sebbene questo ciclo si sia ormai concluso, siamo comunque pronti per un nuovo viaggio ad un livello completamente nuovo.

Da questo link potrai consultare i significati canonici degli Arcani Maggiori.

Due tipi di approccio

Ora, esistono due tipi di approccio al Tarocco: chi cerca di imparare e vivere veramente gli Arcani e chi, invece, vuole studiare qualcosina per curiosità. Io mi rivolgo al primo gruppo di persone.

Se sei tra chi vuole penetrare la logica dei Tarocchi, non limitarti a leggere la mia storiella in modo svogliato e superficiale. Prova a ricordare quello che ho scritto, ma soprattutto prova a scrivere la tua storia, in relazione a ciò che gli Arcani possono in qualche modo suggerirti.

Non preoccuparti se non riesci a mettere insieme i tasselli passo dopo passo. Pensa solo a divertirti ed a fluire con ciò che stai raccontando. Improvvisa in base a ciò che l'immagine ti suggerisce e a ciò che l'intuito detta. E se proprio trovi un blocco nel passare in modo agevole da un Arcano ad un altro, ricorda che potrai sempre fermarti e prenderti tutto il tempo per meditare su ciò che ti sta bloccando.

Mettiti alla prova con il quiz su questa lezione prima di passare alla prossima.