Il Tuo Metodo di Lettura - Lezione 10

Quando inizi a studiare i Tarocchi, potresti trovarti a lottare con un problema: la situazione potrebbe diventare noiosa. Hai letto bene e lo ripeterò: la situazione potrebbe diventare noiosa.

Se inizi ad utilizzare solo pochi metodi di lettura in base al tipo di domanda, allora nel giro di poco tempo potresti bloccarti. Così come, se impari a fare tiraggi solo sulle tue situazioni personali, tempo due settimane ti brucerai, perché farai diventare il discorso estremamente pesante.

Puoi evitare di scivolare su una tediosa routine liberando le carte da qualsiasi senso di costrizione, fino a personalizzare il tutto. Quello che consiglio io è strutturare dei metodi di lettura personali. Puoi farlo modellando dei simboli nella tua mente oppure estraendo le carte in base a determinate logiche che, in quel momento, senti più affini a ciò che stai vivendo.

Per esempio, hai da poco conosciuto la tua nuova fiamma e stai vedendo questa relazione con le lenti rosa. Magari la percepisci con il cuore pieno di gioia. Ecco che potresti fare un tiraggio prendendo a modello proprio lo schema del cuore e disponendo i Tarocchi come seguono.


Anche in questo caso potrai iniziare lo schema dalla carta che credi essere migliore e proseguire raccontando la solita storia, Arcano dopo Arcano.

Metodo di lettura personalizzato

Nel paragrafo precedente abbiamo visto la possibilità di creare molti metodi di lettura in base alle varie simbologie che viviamo in un determinato momento della nostra vita. Scavando più in profondità su questo tipo di studio, suggerisco anche di ricreare, con le carte, delle immagini che abbiano un senso pratico.

Pensa agli stessi Tarocchi. Immagina di voler fare una domanda su come sentirti più libero in un particolare momento della tua vita. Forse lo stress e l'ansia ti stanno uccidendo e hai bisogno di staccare la spina. Così, puoi modellare il tuo tiraggio in base alle energie del Matto che rappresenta proprio la libertà. Ecco un esempio pratico di ciò che intendo:


Avendo le frequenze del Matto come guida possiamo tirare alcune carte in base allo schema:

  • La carta posta sulla testa del personaggio può indicare su cosa dobbiamo porre la nostra attenzione per aprire la mente ed arieggiare i nostri pensieri.
  • L'arcano all'altezza del fardello parlerà del bagaglio esperienziale che ci portiamo dietro.
  • Il cane rappresenta la pulsione che ci spinge ad andare avanti oppure gli ideali ai quali dobbiamo rimanere fedeli.
  • La carta sul bastone ci parlerà di cosa o di chi ci può sostenere.
  • L'Arcano posto alla massima destra potrà indicare dove ci stiamo dirigendo o dove dobbiamo andare per raggiungere quell'angolo di paradiso che tanto aneliamo.

Ancora una volta voglio suggerire di creare tiraggi che siano in linea con quello che stai vivendo. Potrai modificare il numero di carte estratte, il loro significato e la loro posizione. Ecco cosa significa avere un rapporto dinamico con i Tarocchi.